I 20 club più ricchi e l’inesorabile crollo delle italiane

Club ricchezzaCome ogni anno Deloitte Football Money League ha pubblicato i dati su un’inchiesta unica nel suo genere, analizzando gli introiti dei club europei di calcio.

Se non sorprende che al primo posto ci sia il Real Madrid, per il decimo, o “la decima”, anno consecutivo, con entrate per 639 milioni di dollari, fa un po tristezza vedere che nelle prime dieci posizioni ci sia solamente una squadra italiana, la Juventus, al decimo posto.

Le prime otto poi, sono rimaste le stesse rispetto a 12 mesi fa, aumentando il proprio distacco con chi le segue e facendo pensare sempre di più ad una Super League Europea, mentre le prime 20 squadre nella lista, in totale hanno aumentato quest’anno le entrate del 14%, 7 miliardi di dollari in più rispetto all’anno precedente.

A dominare, in termini di campionato, la classifica vi è la Premier League, con cinque dei suoi club tra i primi 10 e otto tra i primi 20. Come risultato degli accordi sui diritti per la messa in onda, tutte le squadre della Premier League sono finite nella top 40 dei club che guadagnano di più al mondo.
E così nell’ultimo anno il Manchester United ha superato il Barcellona e il Bayern Monaco, posizionandosi secondo in classifica con entrate per 602 milioni di dollari, un aumento di 110 milioni di dollari, con una crescita dell’ 83% negli ultimi tre anni grazie anche alla pubblicità.

Quinto il ricchissimo Paris Saint-German, seguito da Manchester City (sesto), Chelsea (settimo), Arsenal (ottavo) e Liverpool (nono).

Italiane quindi in crisi e ormai non si può certo dire che si tratti di una novità. Se solo la Juventus, come detto, riesce ad affacciarsi nei primi dieci posti, seppur in posizione defilata (decimo posto) e guadagnando quest’anno soltanto 7 milioni di euro in più rispetto al 2012-13, il club di casa Agnelli resta comunque il più ricco tra gli italiani, considerando anche che il Milan, contemporaneamente, perde 13,8 milioni di euro, passando dal decimo al tredicesimo posto.
Fa scalpore infatti vedere come proprio i rossoneri, da quando questa classifica è stata stilata, per la prima volta siano usciti dalle prime dieci posizioni. Il crollo è dovuto anche alla non partecipazione alla Champions League (perdita stimata intorno ai 30 milioni di euro).

Anche l’Inter, che perde soltanto mezzo milione di euro, scende dal quindicesimo al diciassettesimo posto, mentre il Napoli rientra in classifica e si piazza sedicesimo con 164,8 milioni di euro di introiti. La Roma infine, che nel 2014 era diciannovesima con 124,4 milioni, esce dalla top 20 (ora è ventiquattresima). Non per una perdita nei propri ricavi (ha guadagnato 3 milioni di euro), ma per un aumento minore rispetto alla concorrenza.

Club ricchezza 2

Uno dei problemi principali in Italia rimane, a parte la creazione di stadi di proprietà, il troppo potere dei diritti televisivi e dei ricavi derivati dalla partecipazione alla Champions League. E, in Serie A, è impossibile quindi assistere a evoluzioni come quella del Manchester United. Infatti basti pensare che gli inglesi, nonostante un 2013-14 calcistico che è coinciso con il peggior piazzamento in classifica dell’ultimo ventennio, hanno aumentato gli introiti del 24% grazie a una serie di accordi commerciali in Cina, Corea del Sud e Nigeria. Chimere nel nostro Paese, almeno per il momento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...